top of page

Honeymoon: da dove cominciare? Tutti i consigli dell’agente di viaggio!

“Finalmente è successo. Lui ti ha fatto LA PROPOSTA. Presto ti sposerai esaudendo così il sogno di quando eri bambina: abito bianco, una festa indimenticabile ed un viaggio paradisiaco nel luogo più remoto della terra. O forse no. Meglio star vicini perché non si sa mai. E se andassimo in Australia? Marco e Sara ce ne hanno parlato benissimo. Ma magari non è una meta adatta a noi. A noi piace da sempre l’idea del mare caraibico, della spiaggia di sabbia finissima e dei cocchi da sorseggiare in total relax. E se fosse noioso? Per il viaggio di nozze ci vuole qualcosa di più brioso e frizzante, dai! E allora una città. Che ne dici di New York?Oppure Bangkok?Ma come si può rinunciare ad uno splendido resort all inclusive dove farsi coccolare durante la luna di miele? Ah ecco, ci sono. Il Giappone. Ma sarà il periodo giusto per andarci? Aiutooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!Ci salvi chi può!”


Ho pensato così di stilare una sorta di vademecum per raccogliere alcune delle domande frequenti che generalmente mi vengono rivolte e per guidare gli sposi in un percorso sereno, consapevole, da fare insieme.

1) Quale meta scegliere per il viaggio di nozze?

Comincio sempre dall’ascoltare se c’è un sogno nel cassetto: certamente si può partire da quell’idea per individuare la meta. Poi cerco di farmi raccontare dalla coppia le esigenze, le aspettative e illustro loro tracce di viaggio che potrebbero essere prese in considerazione. Spesso il mio consiglio è di valutare mete non troppo ovvie a favore di itinerari magari impegnativi per la loro lontananza o per la permanenza…che poi, la luna di miele, non ricapita sovente!Il segreto resta comunque personalizzare al massimo il progetto  con un occhio di riguardo alla qualità. Che si resti nel Mar Mediterraneo o si voli Oltreoceano, itinerario e strutture devono assolutamente rispettare gli standard stabiliti con gli sposi.

2) Come funziona la lista di nozze?

La lista di nozze è un sistema pratico, intelligente e comodo per gli sposi. Dà loro la possibilità di seguire in tempo reale l’andamento dei regali e capire come stanno crescendo le donazioni. Pensiamola come un salvadanaio. La coppia viene informata tramite mail ad ogni “monetina” gettata e ha modo così di  ringraziare le persone che hanno contribuito a dare forma al loro sogno. Il gioco è semplice. L’ospite non deve far altro che entrare nel nostro sito, nello spazio dedicato ai viaggi di nozze: digita le credenziali ricevute dalla coppia e dopo aver inserito user e password ha accesso al mondo dedicato agli sposi. Inserisce la cifra libera, in base alla propria disponibilità oppure sceglie se selezionare dei mini pacchetti che compongono il viaggio. Anche il metodo di pagamento è a scelta (bonifico bancario, carta di credito, direttamente in agenzia). A questo punto ha la possibilità di scrivere il biglietto d’auguri che sarà poi inoltrato alla coppia. La lista viene chiusa quando il viaggio sta per iniziare. Alla consegna dei documenti gli sposi saldano se la cifra non è stata raggiunta o vengono rimborsati (in contanti o tramite bonifico) nel caso in cui la cifra raccolta sia superiore all’importo necessario per il viaggio. Quando aprire una lista? Si consiglia con largo anticipo. Anche un anno prima. Dai 6 ai 9 mesi dal matrimonio si può tranquillamente iniziare a parlare di mete e preventivi.

3) Gli amici ci hanno fatto innamorare del loro viaggio di nozze. E noi?

Questa è una brutta trappola per gli sposi! Gli amici già sposati li hanno fatti sognare con proiezioni di filmati e scambi di foto di paesaggi mozzafiato. I racconti e gli entusiasmi alle stelle si sa, sono contagiosi. Si tratta di informazioni preziose per chi si approccia al matrimonio, può essere utile prendere spunto dalle mode, dalle idee, ma noi siamo noi e non è assolutamente detto che ciò che ha fatto innamorare gli altri abbia gli stessi effetti su di noi. Consiglio sempre di portare queste sensazioni nei primi colloqui con me in modo tale da potersi confrontare e capire in che direzione andare.

4) A cosa serve un consulente in agenzia di viaggi?

In due parole: ad acquisire certezze. Il consulente oltre a mettere a disposizione la propria professionalità, ha il ruolo di guidare e rassicurare i futuri sposi davanti ai dubbi e alle domande che nascono spontaneamente. Anche le più banali, quelle legate al meteo per esempio: non azzeccare il periodo giusto terrorizza da sempre chi deve partire.  Le informazioni a portata di clic oggi fanno sì che ci si documenti online per entrare in un labirinto di milioni di input dove orientarsi diventa difficile. Perdersi invece è molto più immediato. I prezzi sono utili indicatori, ma certo non la chiave per la soluzione ideale. Un consulente può darti riferimenti precisi, pratici, certezze, supporto prima, durante e dopo il viaggio, finchè non si rimettono i piedi per terra. Resta un punto di riferimento per qualsiasi necessità, un personal a tutti gli effetti.

5) Stanchi delle solite mete per il viaggio di nozze. Cerchiamo in internet?

Per un primo approccio assolutamente sì. In rete sono disponibili video e  foto  bellissimi che possono aiutare la coppia a documentarsi. Trovo soddisfazione quando parlo con sposi che hanno già visto, studiato, hanno la loro idea. Il grosso rischio però è l’arma a doppio taglio: la documentazione via web è utile e positiva se portata su un tavolo di confronto dove vengono analizzati gli aspetti che hanno fatto scoccare la scintilla. Dove tutto viene filtrato, ridimensionato, con intelligenza e concretezza.

6) L’agenzia di viaggi la cerchiamo vicina a dove  abitiamo per una questione di comodità?

Partiamo dal presupposto che certamente, rivolgersi all’agenzia che si trova nel paese dove si risiede non può che essere comodo.  Può fungere da punto di appoggio dove lasciare con facilità la somma da destinare agli sposti. E’ pur vero che questo è un concetto obsoleto, oggi tutto è decentrato, gli uffici sono per lo più “virtuali”, la logistica è relativa. Fondamentale, a mio avviso è trovare un agente collaborativo nel quale riporre stima e fiducia. Se poi non è sotto casa poco importa. Parenti e amici si sposteranno volentieri se vedranno gli sposi tranquilli e sereni, una soluzione collaborando si trova sempre! Le persone possono recarsi in agenzia su appuntamento oppure fare riferimento ai cosiddetti “punti di raccolta”, sorelle, amiche o genitori della coppia disponibili a raccogliere le somme anche per chi, magari anziano, ha difficoltà a spostarsi o ad utilizzare internet.

7) Abbiamo bimbi e il nostro viaggio sarà in famiglia. Da dove cominciare?Aiuto!

Sono sempre più numerosi gli sposi con bambini che manifestano il desiderio di portare i piccoli insieme nel loro viaggio di nozze. Ed è generalmente la prima cosa che si domanda in fase di programmazione.  Nel caso in cui ci siano dei bimbi a bordo il viaggio andrà perfezionato con un occhio di riguardo alla baby presenza. Tempi magari più diluiti ed esperienze dove il bambino sia anche protagonista devono essere gli elementi base.  I bambini non rappresenteranno mai un problema, tutto dipende dalle abitudini e dalla mentalità della coppia. In viaggio si verifica esattamente quello che siamo abituati a vivere a casa. Se il piccolo regge il passo dei genitori “dinamici” può affrontare qualsiasi tipo di viaggio, dalla crociera al tour del Giappone. Sarà poi compito dell’agenzia di viaggi predisporre tutti i supporti e le agevolazioni che i servizi turistici offrono.

8) E se ci sposassimo nella destinazione del nostro viaggio di nozze?

Eccola la formula innovativa di nozze! Sta entrando in punta di piedi questo disegno meraviglioso, un progetto non adatto a tutti, ma perfetto per quelle coppie che hanno voglia di una cerimonia intima, dal sapore esotico, in costume e corone di fiori, in una location che parla da sé. Non esiste solo il “pazzo” matrimonio a Las Vegas!Ci sono catene alberghiere nell’Oceano Indiano, ai Caraibi o in Polinesia che offrono questa soluzione assolutamente esclusiva: sposarsi con un rito simbolico, una cerimonia in spiaggia, come fosse un’escursione oppure celebrare una vera cerimonia.  L’agenzia in collaborazione coi fornitori e le weddingplanner locali è in grado di seguire ogni step, predisporre tutto, dalla documentazione necessaria, al disbrigo delle pratiche per la trascrizione agli atti. Sposarsi nella destinazione del viaggio di nozze significa poter dare la possibilità ad amici e parenti, con quotazioni ad hoc, di raggiungere la coppia e festeggiare insieme approfittando delle ferie estive, magari! Il format è personalizzabile. Un’esperienza unica.

2 visualizzazioni
bottom of page